Skip to main content

Mattarella: no censure alla stampa, il messaggio pe ri 60 anni dell’Ordine

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha inviato un messaggio di alto valore all’evento svoltosi a Roma in occasione dell’evento sui 60 anni della legge sull’ordinamento professionale. Mattarella ha ribadito la centralità del giornalismo come architrave della democrazia e della libertà di informazione

“Il bene dell’informazione gode di esplicita tutela costituzionale. L’art. 21 della Carta, nell’affermare che “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione – questo riguarda ogni cittadino – sottolinea il valore della stampa come mezzo, indicando che “non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure”. Lo sottolinea il presidente Sergio Mattarella in un messaggio in occasione dei 60 anni dell’Ordine dei Giornalisti.

I giornalisti – prosegue il presidente –  hanno una “responsabilità enorme”. “Una responsabilità accentuata dalla moltiplicazione delle fonti di informazione offerta dalla rivoluzione del web. Alla professione giornalistica anzitutto viene affidato il ruolo di espressione della libera critica secondo doveri di lealtà e buona fede. Ai giornalisti, in questo contesto, è rimesso il compito rilevante, ai fini della libera formazione delle opinioni dei cittadini, del rispetto della verità sostanziale dei fatti

“Ecco il valore – sottolinea ancora il presidente Mattarella nel messaggio – della definizione dell’autonomia professionale di ogni giornalista e dell’autogoverno della categoria cui viene demandata, come per ogni altro ordine professionale, la essenziale e preziosa funzione di difesa della deontologia. Le sfide che il mondo dell’informazione è chiamato a raccogliere, a partire dalle applicazioni della intelligenza artificiale, non possono prescindere dal rispetto dei canoni fondamentali tracciati per la professione dalla legge Gonella”.